Come smaltire i mobili vecchi prima del trasloco

>>Come smaltire i mobili vecchi prima del trasloco

Come smaltire i mobili vecchi prima del trasloco

  • Mobili vecchi abbandonati

Gli svuota cantine, rimedio interamente gratuito.

Sicuramente sarà capitato di vedere, nel proprio quartiere o probabilmente in televisione, giardini nei quali vengono messi in vendita i propri mobili, o persone che si recano a casa di altre per poter prelevare, in maniera del tutto legale, i mobili che devono essere eliminati prima del trasloco.
Questo rimedio prende il nome di svuota cantina, ed è molto semplice: prima del trasloco, chi deve trasferirsi può spargere la voce e informare vicini, amici e parenti, che deve eliminare i mobili.
Queste persone potrebbero essere interessate proprio a quell’arredamento che deve essere eliminato, e decidono di prelevarlo e portarlo in casa propria.
Nessun costo da sostenere in questo caso, visto che gli svuota cantine si occupano di smontare il mobile che a loro interessate, di portarlo a casa e di rimontarlo.
Si tratta però di un procedimento che, per quanto adatto a questo periodo di crisi, potrebbe essere difficile da realizzare, visto che molte persone preferiscono acquistare mobili nuovi e inutilizzati.
Una valida alternativa a questa soluzione per quanto riguarda il trasloco arredamento riguarda portare i piccoli mobili nelle aree apposite, chiamate isole ecologiche, dove sono appunto possono essere portati i piccoli oggetti e dove questi verranno facilmente smantellati, senza alcun costo a carico del cliente.

Traslochi mobili e servizio di nettezza urbana.

Un’alternativa molto utilizzata da parte di chi deve effettuare il trasloco mobili e trasloco arredamento, e che rappresenta la valida alternativa al servizio offerto dalla aziende di traslochi, riguarda quello ideato dalla nettezza urbana.
I clienti che devono eliminare dei mobili possono prenotare il ritiro presso il loro domicilio: basterà contattare il centro della nettezza urbana e prendere un appuntamento, ovvero stabilire la data nella quale i mobili dovranno essere ritirati.
Questi ovviamente dovranno essere smontati e posti sul ciglio della strada poco prima che gli addetti si presentino per il ritiro dei suddetti mobili.
E’ importante sottolineare che questo servizio è a pagamento, ovvero si dovrà pagare la tassa di smaltimento dei suddetti mobili.
Inoltre, è consentito eliminare solo l’arredamento che viene indicato agli addetti, mentre i carichi pesanti generalmente devono essere portati al centro ecologico, dove verranno appunto smaltiti.

La richiesta alle ditte di traslochi.

L’altra realtà, stavolta a pagamento, è offerta dalle ditte di traslochi, che si occuperanno di effettuare la rimozione dei mobili.
In questo caso, il trasloco arredamento e quello mobili avviene in parte in maniera classica, ovvero è possibile richiedere agli addetti il servizio di smontaggio dei mobili che dovranno essere buttati.
Il trasloco di questo arredamento da eliminare prosegue poi con la consegna degli oggetti al centro ecologico: il trasporto dei mobili verrà effettuato dagli addetti delle aziende di traslochi, senza che il cliente debba dunque occuparsene in prima persona.
In questo caso, il prezzo del trasloco mobili da eliminare è composto dallo smontaggio dei mobili, dal carico sul mezzo di trasporto, dal viaggio verso il centro ecologico e dallo scarico dei mobili che devono essere eliminati.
Il costo può essere compreso tra i trecento ed i mille euro, tetti che comunque possono essere abbattuti a seconda dei costi che vengono imposti dalla ditta di traslochi che viene contattata dal cliente.
Da aggiungere anche il costo della tassa di smaltimento dei mobili o arredamento da buttare.

Vuoi avere altri consigli per il trasloco? Clicca qui.

By | 2017-09-11T14:27:23+00:00 agosto 16th, 2017|Traslochi|0 Comments

Leave A Comment

otto + due =